Bob Geldof, buon compleanno.

Auguri a Bob Geldof che oggi compie 66 anni.

Sir Robert Frederick Zenon Geldof, Bob Geldof (Dún Laoghaire, 5 ottobre 1951), fonda il suo gruppo, i Boomtown Rats, con i quali fu spesso in vetta alle classifiche britanniche, nel 1975, ma è conosciuto in tutto il mondo soprattutto per il suo impegno a favore della lotta contro la fame e le malattie in Africa; questo impegno negli anni lo ha portato a trascurare la carriera musicale.

Partecipò anche come attore, nella parte del protagonista Pink, al film Pink Floyd The Wall diretto da Alan Parker.

Nel 1984, assieme a Midge Ure scrisse la canzone Do They Know It’s Christmas? che venne cantata dai migliori artisti britannici dell’epoca riuniti in un gruppo che venne chiamato Band Aid che sfondò le classifiche e i cui proventi andarono al 100% in aiuto delle popolazioni colpite dalla carestia. Sulla base di quell’esperienza, un folto gruppo di artisti americani volle portare il proprio contributo e nel 1985 parteciparono a USA for Africa, un supergruppo di 45 celebrità della musica pop tra cui Michael Jackson, Lionel Richie, Stevie Wonder e Bruce Springsteen, cantando We Are the World prodotta da Quincy Jones. I proventi raccolti con We Are the World furono devoluti alla popolazione dell’Etiopia, afflitta in quel periodo da una disastrosa carestia. Il brano vinse il Grammy Award come “canzone dell’anno”, come “disco dell’anno”, e come “miglior performance di un duo o gruppo vocale pop”.

Nel 1985, sull’onda di quelle esperienze e con l’aiuto di molti altri artisti, Bob si dedicò anima e corpo all’organizzazione del Live Aid, concerto rock in mondovisione tenutosi il 13 luglio in due diversi continenti, lo stadio di Wembley a Londra, e lo stadio JFK di Filadelfia. A questa manifestazione, senza precedenti nella storia della TV e della musica, parteciparono le maggiori personalità del mondo della musica e dello spettacolo. L’evento è stato raccontato dettagliatamente nella seconda parte del suo libro autobiografico Tutto qui?.

Nel 2005 ha promosso una nuova edizione dell’evento, chiamata Live 8, una serie di 10 concerti organizzati per il luglio di quell’anno nelle nazioni appartenenti al G8, che ha riunito milioni di fan della musica e di persone convinte nelle possibilità di questo meritevole ma difficile progetto. Nello stesso anno ha difeso l’operato in Africa del Presidente degli Stati Uniti d’America George W. Bush definendolo “migliore di quello di ogni altro presidente statunitense”.

Sempre nel 2005 aderisce al progetto per la realizzazione del film Soldiers of Peace che coinvolge 14 Paesi nel Mondo nella realizzazione di una pace globale.

 

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*