Parla come Baci: ecco i bigliettini Perugina in dialetto

Baci

Dal napoletano al genovese, dal siciliano al piemontese: sono nove gli idiomi regionali scelti per lanciare la prima serie speciale dei celebri cioccolatini per rendere omaggio all’Italia e alle sue differenti culture

L’amore dichiarato in dialetto. Dal siciliano al romano, dal piemontese al napoletano, fino al genovese e al pugliese. Ecco la novità di casa Perugina: i famosi bigliettini dei Baci renderanno omaggio alle diverse culture e tradizioni del nostro Paese attraverso una nuova campagna. Il nome è scelto è “Parla come…Baci”: si tratta di una serie speciale lanciata dall’azienda, che ha selezionato cento modi di dire legati (ma non solo) all’amore, in nove idiomi regionali diversi.

“Ògne scarrafóne è bèll’a màmma sóia” e “I inamoraa guarden minga a spend” sono solo due esempi di frasi che sarà possibile ritrovarsi davanti dopo aver scartato uno dei famosi cioccolatini. Ogni cartiglio contiene un proverbio in dialetto con la traduzione in italiano, mentre l’incarto del cioccolatino riporta la parola “bacio” nei nove dialetti scelti.

L’azienda ha spiegato che all’origine di questa scelta c’è uno studio condotto dal marchio del gruppo Nestlè dagli esiti decisamente chiari: 6 ragazzi italiani su 10 utilizzano i dialetti o sono incuriositi dalla possibilità di impararli. Non solo, la stessa analisi di mercato ha evidenziato che tra i millenials la curiosità di scoprire i dialetti è molto forte. Nello specifico, si tratta di desiderio di creare un legame forte con la propria famiglia (67%), volontà di conoscere la storia di determinati termini ed espressioni (59%) o possibilità di arricchire il proprio parlato con espressioni colloquiali (52%).

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*