Will Smith, buon compleanno.

Auguri all’attore,cantante e produttore Will Smith che oggi compie 49 anni.

Willard Carroll “Will” Smith, Jr. (Filadelfia  25 settembre 1968), nell’aprile del 2007 la rivista Newsweek lo ha definito “il più potente attore di Hollywood”.

Will Smith ha ricevuto cinque nomination ai Golden Globe e due al Premio Oscar; ha inoltre vinto quattro Grammy Award.

Ha raggiunto fama mondiale negli anni novanta dopo aver recitato nella serie televisiva Willy, il principe di Bel-Air (1990-1996) e in numerosi film tra cui Bad Boys (1995), Independence Day (1996) e nella saga di Men in Black (1997, 2002 e 2012). Ha ricevuto due nomination all’Oscar per il miglior attore per la sua interpretazione del pugile Muhammad Ali in Alì (2001) e per il ruolo di Chris Gardner ne La ricerca della felicità (2006). Nel 2016 interpreta Deadshot nel film del DC Extended Universe Suicide Squad.

Secondo di quattro figli, Willard è un ragazzo vivace che cresce in un contesto sociale multietnico e culturalmente eterogeneo: nel suo quartiere vi è una grande presenza di ebrei ortodossi ma non distante c’è una zona abitata prevalentemente da musulmani, la sua famiglia è battista ma la sua prima scuola è una scuola cattolica, la Our Lady of Lourdes di Philadelphia, quasi tutti gli amici di Will sono neri ma i suoi compagni di scuola alla Our Lady of Lourdes sono, perlopiù, bianchi.

Per riuscire ad essere ben accettato da tutti, Will impara a sfruttare costantemente, nei rapporti con i coetanei il suo naturale carisma, cosa che, negli anni alla Overbrook High School di Philadelphia gli vale il soprannome di Prince (il principe). Will inizia come rapper all’età di dodici anni e da subito sviluppa il suo ingegnoso stile semi-comico (evidentemente dovuto alla grande influenza che ha avuto su di lui, come Will stesso ha dichiarato, Eddie Murphy), ma è solo a sedici anni che incontra l’uomo con il quale ottiene i primi grandi successi. Ad una festa a Philadelphia conosce infatti DJ Jazzy Jeff (vero nome Jeff Townes): i due diventano amici e iniziano a collaborare, Jeff come DJ e Will, che nel frattempo ha adottato il nome d’arte Fresh Prince, (modificando leggermente il suo soprannome alla scuola superiore) come rapper.

Con uno stile allegro, eccentrico e pulito, ben distante da quello del rap di quegli anni, i due ottengono subito un grande successo ed il loro primo singolo “Girls ain’t nothing but trouble” (1986) anticipa il trionfo dell’album di debutto “Rock the house”, facendo di Will un milionario all’età di soli diciotto anni. Tuttavia la sua ricchezza non dura molto: problemi con le tasse prosciugano il suo conto in banca costringendolo a ricostruire la sua fortuna praticamente da zero.

Fortunatamente il duo mette a segno diversi altri successi: l’album “He’s the DJ, I’m the rapper” (il primo album hip-hop a guadagnarsi il doppio disco di platino), il brano “Parents just don’t understand” (che fa vincere loro il Grammy per la migliore performance rap nel 1989), il brano “Summertime” (altro Grammy) e molti altri, fino all’album “Code Red”, l’ultimo insieme.

La carriera di rapper di Will Smith però non finisce qui: da solista registra gli album “Big Willie style” (1997), “Willenium” (1999), “Born to reign” (2002), “Lost and found” (2005) e la raccolta “Greatest hits” (2002), dai quali vengono anche estratti singoli di enorme successo.

 

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*